Gold Standard e Commercio dell’Oro

Il Gold Standard è stato un esempio recente di come l'oro ha rivestito un ruolo centrale anche nella economia e nella finanza attuale e non solo per quanto riguarda scambi internazionali di grande valore.
Gold Standard e Commercio dell’Oro

Il Gold Standard è stato un esempio recente di come l’oro ha rivestito un ruolo centrale anche nella economia e nella finanza attuale e non solo per quanto riguarda scambi internazionali di grande valore ma anche nella quotidianità di tutti con l’avvento di attività come questo compro oro Firenze. Nei tempi antichi fu impiegato direttamente come valuta per facilitare lo scambio di merci tra regioni lontane, evitando le complicazioni del baratto primitivo.

Con il passare dei secoli, l’oro trovò una nuova funzione come base di valore per le valute nazionali. La Gran Bretagna fu la prima a stabilire il Gold Standard nel 1815, un sistema che si diffuse rapidamente in Europa e in altre grandi nazioni come Giappone, Stati Uniti e India. Questo sistema monetario richiedeva che ogni paese mantenesse una riserva d’oro proporzionale alla quantità di denaro emesso, garantendo così una stabilità economica che durò fino alla prima guerra mondiale. Tuttavia, le ingenti spese belliche portarono molti stati ad abbandonare il Gold Standard nei decenni successivi, a causa della scarsità di oro.

Nel 1944, il Gold Standard fu rimpiazzato dagli accordi di Bretton Woods, che rimasero in vigore fino al 1971, quando gli Stati Uniti decisero di eliminare la convertibilità del dollaro in oro. Oggi, il prezzo dell’oro viene determinato sul mercato azionario tramite il Fixing dell’oro di Londra, un meccanismo in cui alcune delle principali banche che trattano oro si incontrano due volte al giorno per stabilire il prezzo ufficiale.

Il riferimento per la quotazione dell’oro è l’oro 24 carati, che deve essere certificato in lingotti da istituti accreditati e riconosciuti ufficialmente. Oltre al mercato dei lingotti certificati, esiste anche un mercato per l’oro lavorato, noto come oro usato. Questo tipo di oro, non più certificato, non può essere venduto al prezzo di mercato dell’oro puro, poiché mancano le garanzie necessarie per classificarlo come investimento in oro 24 carati.

Il mercato dell’oro usato è più flessibile e variabile nei prezzi, poiché, pur prendendo come base la quotazione del fixing di Londra, il valore viene determinato attraverso trattative libere e senza l’intervento di organismi ufficiali. L’oro lavorato, spesso legato ad altri metalli, perde le caratteristiche richieste dai mercati azionari, che considerano solo l’oro puro 24 carati garantito.

https://www.comproorosubitofirenze.it

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
WhatsApp
Cerca nel sito
Non perderti le ultime

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

No spam, solo aggiornamenti. Inoltre potrai rimuoverti con un click.