Masterpiece Skeleton Label noir la padronanza dei contrasti

Maurice Lacroix svela una nuova versione del suo MASTERPIECE Skeleton, creato in collaborazione con Label Noir. Dotato di un movimento in-house estremamente raffinato, questo modello rivela molti componenti di solito nascosti. Label Noir ha giocato con luci e ombre, con unb vedo e non vedo raffinato, bianco e nero, accostando sapientemente i contrasti. Il risultato è il MASTERPIECE Skeleton Label Noir, limitato a 288 pezzi, che mette in mostra la creatività dei due brand e la loro vena innovativa.
Masterpiece Skeleton Label noir la padronanza dei contrasti

Nel 2020, Maurice Lacroix, il marchio delle Franches Montagnes, ha collaborato con la Maison orologiera di Ginevra Label Noir. Questa prima collaborazione ha dato vita a una reinterpretazione dell’AIKON, proponendo un modello di ispirazione urbana che è andato sold-out nel giro di pochi minuti dal suo lancio. Con l’obiettivo di ripetere questo risultato, Maurice Lacroix ha deciso di collaborare nuovamente con questo specialista della personalizzazione orologiera.

Fondata nel 2011, Label Noir è conosciuta per le sue rivisitazioni di design famosi e il suo utilizzo dei colori bianco e nero per dare un tocco di classe ai modelli. L’azienda ginevrina ha utilizzato in modo occasionale il colore per richiamare il dinamismo; tuttavia, è l’applicazione oculata di tonalità monocromatiche che ha permesso al brand di riscontrare un grande successo.

Maurice Lacroix, oltre a fare af damento sulla creatività dello staff che lavora presso la sua sede di Saignelégier, riconosce i vantaggi della collaborazione con altri brand per poter trovare ispirazione dal loro estro. Infatti, Maurice Lacroix ha lavorato a stretto contatto con Monocle, Wallpaper e ha persino collaborato con Stoff e Schnapps per produrre Aikonic Gin! Ora, Maurice Lacroix ha unito le sue forze con Label Noir e reinterpretato il MASTERPIECE Skeleton in un modo completamente nuovo e davvero entusiasmante.

Gli orologi scheletrati affondano le loro radici nel XVIII secolo. La tecnica tradizionale della scheletratura prevede la rimozione del metallo super uo dal movimento mediante l’uso di seghe e lime. Il risultato è un movimento dall’aspetto ligranato estremamente interessante. Tuttavia, in alcuni casi, il materiale eliminato adiacente ai componenti più importanti, come gli alloggiamenti dei rubini, le viti e i ruotismi, comprometteva l’affidabilità e creava essioni indesiderate. Maurice Lacroix ha progettato e sviluppato un proprio movimento interno per risolvere questi potenziali problemi.

Il marchio del Giura ha ottimizzato il design del movimento all’interno del MASTERPIECE Skeleton utilizzando il CAD (Computer Aided Design), per calcolare le forze che agiscono su ogni parte della struttura. La platina e i ponti sono realizzati utilizzando una moderna macchina – CNC (Computer Numerical Control) – che assicura che il calibro rimanga stabile, preciso e affidabile.

Questo segnatempo contemporaneo scheletrato, dotato di movimento a carica manuale, rivela numerosi componenti solitamente nascosti alla vista. L’albero di carica, il ruotismo della messa all’ora e il treno delle ruote sono ampiamente visibili. Il bariletto della molla è dotato di un coperchio traforato, che permette di vedere la molla motrice in vari stati di tensione. Chi indossa l’orologio può così ammirare, vicino alle ore 12, il bilanciere a vite che oscilla su e giù, la molla che respira e l’ancora che si innesca con la ruota di scappamento. Il MASTERPIECE Skeleton Label Noir, infatti, regala allo sguardo un’affascinante performance meccanica, resa ancora più interessante dall’uso sapiente di toni a contrasto.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
WhatsApp
Cerca nel sito
Non perderti le ultime

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

No spam, solo aggiornamenti. Inoltre potrai rimuoverti con un click.